Reus, il miglior affare per 35 milioni di euro. Dal 2015
Le squadre italiane avrebbero un anno di anticipo per programmare il colpo migliore dell'estate 2015. Ma per vari motivi, in primis l'ingaggio che...
Reus, il miglior affare per 35 milioni di euro. Dal 2015
Le squadre italiane avrebbero un anno di anticipo per programmare il colpo migliore dell'estate 2015. Ma per vari motivi, in primis l'ingaggio che...
Reus, il miglior affare per 35 milioni di euro. Dal 2015
Le squadre italiane avrebbero un anno di anticipo per programmare il colpo migliore dell'estate 2015. Ma per vari motivi, in primis l'ingaggio che...
ESCLUSIVA TMW - Palermo, spunta l'idea Jeffren
Secondo quanto appreso in esclusiva da Tuttomercatoweb, il Palermo starebbe sondando la possibilità di arrivare all'attaccante spagnolo scuola...
Atletico Madrid da manuale: via Diego Costa per un attacco più forte
Dopo aver sorpreso tutta Europa nell'ultima stagione, vinto la Liga e accarezzato il successo anche in Champions League, l'Atletico Madrid di Cerezo,...
INTERVISTA WALTER MAZZARRI POST INTER - MANCHESTER UNITED
INTERVISTA WALTER MAZZARRI POST INTER - MANCHESTER UNITED Inter Channel, dal 2000, è il canale di informazione e intrattenimento della...
#BienvenuePatrice!
#BienvenuePatrice! Il campione francese è sbarcato a Torino poco dopo le 21.00 ed è iniziata la sua avventura alla Juventus. Ecco le...
INTERVIEW TO PRESIDENT THOHIR
INTERVIEW TO PRESIDENT THOHIR Inter Channel, dal 2000, è il canale di informazione e intrattenimento della società F.C. Internazionale....
INTERVISTA PRESIDENTE THOHIR
INTERVISTA PRESIDENTE THOHIR Inter Channel, dal 2000, è il canale di informazione e intrattenimento della società F.C. Internazionale....
I giovani: la nuova stagione | AC Milan Official
I giovani: la nuova stagione | AC Milan Official Una nuova stagione è alle porte per i ragazzi della Primavera e Berretti: inizia il ritiro...
Lavezzi in bilico al PSG: Marotta ci prova. Il "Pocho" guadagna 5 mln netti annui. Proposto scambio Giovinco-Gabbiadini. GdS: "C'è una pista Berardi"
CitaLavezzi in bilico: Marotta ci prova L’argentino tra il possibile rinnovo a Parigi e l’addio. Con l’arrivo di Di Maria,...
Juve-Vidal, si aspetta l'arrivo di Felicevich per capire cosa accadrà. No a offerte sotto i 45 mln. Oggi a Vinovo Evra (presentazione alle 15) e Pogba
CitaVidal: si aspetta l’arrivo dell’agente per capire il futuro Evra è sbarcato a Torino: "Sono felice". Alle 15 la presentazione...
Juve-Romulo, oggi la firma? Col Verona manca l'accordo sulle modalità di pagamento del riscatto (6-7 mln): Marotta vuole una rateizzazione triennale
CitaMarotta sblocca Romulo: «Con la Juve in tournée» Ma col Verona manca l'accordo sulle modalità di pagamento del riscatto...
GdS: "Juve, che succede? Col Cesena mai pericolosa. Allegri, serve fantasia". Bonucci: "Posso giocare a 4". TS: "Sonno Juve: non c'è gioco. Coman ok"
Cita Cliccare sulle immagini per ingrandirle Fonte: GdS (articoli a firma di G.B. Olivero) Sonno Juve: il gioco non c'è Ad Allegri serve tempo...
Preparazione atletica, tour in Asia e condizione fisica
Quel che accade da tre settimane ad oggi mi sta facendo sorgere qualche dubbio sulle possibili condizioni atletiche ad inizio campionato. Nei primi...

TuttoCalcio il portale delle news calcistiche

GdS: "Juve, che succede? Col Cesena mai pericolosa. Allegri, serve fantasia". Bonucci: "Posso giocare a 4". TS: "Sonno Juve: non c'è gioco. Coman ok"

Cita

Immagine


Immagine


Cliccare sulle immagini per ingrandirle


Fonte: GdS (articoli a firma di G.B. Olivero)






Sonno Juve: il gioco non c'è

Ad Allegri serve tempo e le attenuanti non mancano

CESENA, 31 luglio 2014 - Juve, quanti sbadigli ieri sera a Cesena: ma serve ancora tempo, impossibile giudicare ora. Quindi c'è da capire, giustificare, comprendere perché dopo pochi giorni di preparazione tutto diventa difficile visto che, a dirla tutta, contro il Cesena i bianconeri non hanno mai fatto un tiro in porta o quasi. Sì, 0-0 in tutto, il niente più assoluto. Un’occasione solo con Pirlo dopo quattro minuti, una conclusione che ha illuso un po’ chi chiedeva spettacolo e gol. Nulla di tutto questo si è poi visto. Nessuno che si è preso la briga di provare qualcosa di diverso. Diciamo che sono mancate le forze e con il passare del tempo la stanchezza ha annebbiato le idee. Però all'inizio, visto che nella ripresa Allegri ha cambiato completamente squadra, qualcosa di più si poteva fare. O almeno provarci. L'impressione è che dopo pochi giorni di ritiro le due formazioni abbiano interpretato l'incontro come un allenamento e non un match. Quindi hanno pensato a fare fiato piuttosto che farsi male. Dispiace, e molto, per la gente che paga cento euro un biglietto per non vedere neppure un vero tiro in porta. Finisce così 0-0 tra il sonno e tutti possono pensare ai prossimi giorni con (relativa) tranquillità. Allegri e la Juve, per esempio, cancellando la mortificante sconfitta del debutto contro i dilettanti, almeno in parte si sono portati avanti con il lavoro fisico. Il tecnico, proprio per evitare brutte figure, ha cominciato (come annunciato alla vigilia) con il solito sistema di gioco, quel 3-5-3 che ha permesso ai reduci del Mondiale di tenere il campo senza fiato ma, comunque, senza particolari problemi. A questo puntava Allegri. Oltre al fatto di non tornare a casa con qualche giocatore acciaccato a livello muscolare, il che sarebbe stato un guaio serio.

Il lampo
La partita comincia con una magia di Pirlo al quarto minuto: con un tiro di destro da fuori area che Leali (giovane portiere di proprietà bianconera) para con sicurezza. Bravo questo ragazzo, se riuscirà a fare bene in serie A è possibile che il prossimo anno diventi il vice Buffon. Ha debuttato contro la Juve con una grande parata. Passa qualche minuto e Pirlo, proprio sotto gli occhi di Allegri, fa un'altra giocata da impazzire. Si fa passare il pallone in mezzo alle gambe spiazzando gli avversari. Un tocco di classe sorprendente. Il tecnico, che lo ha avuto al Milan, sta in piedi, se lo guarda, segue con attenzione la Juve a braccia conserte e spesso dà consigli. Il sistema di gioco è quello solito e si vede. Con pochi giorni d'allenamento nelle gambe, la Juve fa la partita. La squadra dunque tiene bene, gioca o perlomeno ci prova, ma non arriva mai alla conclusione. I ritmi (per forza di cose) sono blandi ma servono, comunque, per avvicinarsi a una condizione più accettabile, se non vicina a quella trita-avversari delle ultime tre stagioni.

Note positive
L'argentino, neoacquisto dall'Udinese, è piaciuto. Ha personalità, si muove bene nel centrocampo al fianco di Pirlo, prende l'iniziativa e non ha paura di sbagliare. Gioca con facilità, copre la sua zona di competenza e va ad aiutare chi è in difficoltà. Prova anche qualche giocata particolare ma non sempre gli riesce, del resto le gambe sono imballate e con il passare dei minuti anche le idee diventano annebbiate. Però c'è. Lui e Pirlo, sinché ne hanno, si prendono il centrocampo e fanno quello che vogliono.

Difesa ok
Bene Bonucci e Chiellini. Ovvio che in questo momento, dopo tre giorni di lavoro, non siano brillanti ed esplosivi, però si muovono con grande attenzione. Concentrati, sì. Cosa che qualche volta nel passato non succedeva. Riescono a controllare gli avversari e quando hanno il pallone tra i piedi (soprattutto Bonucci) non cercano di fare i fenomeni, ma lo consegnano al compagno più vicino con semplicità. Ed è così che si deve fare quando non si va al massimo. Quindi il primo impatto, a livello psicologico, è da ritenersi confortante. Non male neppure Sorensen. Se Marotta lo deve proprio vendere, se lo faccia pagare... Di certo giocare al fianco di Bonucci e Chiellini può essere facile per tutti, comunque il danese si muove molto bene nella difesa a tre.

Coman va
E, per concludere, un elogio va anche al giovane Coman che Allegri ha fatto entrare a metà del secondo tempo. Il ragazzino ha dimostrato qualità, si è mosso bene, ha provato in più di un'occasione a puntare verso la porta. In questi primi giorni di ritiro ha impressionato il tecnico e ieri sera ha dimostrato che non è uno qualunque. C'è da lavorarci, la Juve ha visto giusto. Magari la società tra un po' scoprirà di aver individuato un nuovo Pogba, anche se con caratteristiche diverse. Non sarebbe male, no? A proposito di campioni. La curva della Juve ieri ha urlato, quindi ribadito, che Vidal non si vende. A buon intenditor...

Fonte: Tuttosport (articolo a firma di C. Forte)

Immagine



Vai alla fonte

Juve-Romulo, oggi la firma? Col Verona manca l'accordo sulle modalità di pagamento del riscatto (6-7 mln): Marotta vuole una rateizzazione triennale

Cita

Marotta sblocca Romulo: «Con la Juve in tournée»

Ma col Verona manca l'accordo sulle modalità di pagamento del riscatto

MILANO, 31 luglio 2014 - Romulo-Juventus: siamo alla stretta finale. Oggi infatti è in calendario un nuovo incontro tra Juve e Verona per portare il calciatore italo-brasiliano in bianconero. Sull’esito della trattativa per l’esterno gialloblù aleggiava nella giornata di martedì un accenno di giallo; narriamo il tentativo di inserimento di un club spagnolo che ha contattato il Verona. Un elemento che ha creato un po’ di suspance sulla trattativa che Marotta e Paratici stanno disegnando da tempo col d.s. scaligero Sogliano. Discussione datata, che ha preso le mosse fin dai tempi dell’affaire Iturbe. L’accordo tra Juve e Verona c’è: un milione di euro per il prestito e 7 milioni per il riscatto del giocatore. Tutto congegnato nei contenuti, ma, fino a ieri, senza l’accordo sulla modalità di pagamento. La Juve propone un pagamento dilazionato in tre anni, mentre il Verona è fermo alla richiesta di un’unica soluzione. Dopo i nuovi contatti nella giornata di ieri, l’incontro odierno porterà alla fumata bianca, sulla quale c’è ottimismo, confermato dalle parole di Marotta: «Credo che Romulo partirà con noi in tournée in Asia», ha detto il d.g. juventino a Cesena. Allegri avrà così a disposizione un giocatore bravo nelle due fasi, ma con particolare efficacia in quella offensiva, sulla destra.

Fonte: GdS (estratto dall'articolo a firma di A. Russo)






Romulo, il giorno delle firme

TORINO, 31 luglio 2014 - Per oggi è previsto l’ennesimo incontro tra la Juventus e il Verona per la definizione del trasferimento di Romulo a Torino. L’operazione dovrebbe finalmente concretizzarsi attraverso una complessa intesa che vedrà l’italo-brasiliano passare in bianconero in prestito oneroso (si parla di almeno un milione di euro a carico della Juventus) con diritto di riscatto tra un anno (cifra prefissata: tra 6 e 7 milioni). L’agente di Romulo sta risolvendo gli ultimi ostacoli burocratici. Juventus e Verona hanno già trovato un accordo sostanziale. Romulo può giocare sia da esterno destro sia da interno: un bel jolly per Allegri.

Fonte: Tuttosport (articolo a firma di F. Cornacchia)


Vai alla fonte

Lavezzi in bilico al PSG: Marotta ci prova. Il "Pocho" guadagna 5 mln netti annui. Proposto scambio Giovinco-Gabbiadini. GdS: "C'è una pista Berardi"

Cita

Lavezzi in bilico: Marotta ci prova

L’argentino tra il possibile rinnovo a Parigi e l’addio. Con l’arrivo di Di Maria, l’ex napoletano è il maggior indiziato a lasciare il Psg. La Juve in corsa con Milan e Liverpool Alternative. Per Chicharito è “derby” con l’Inter. Ipotesi di scambio Gabbiadini-Giovinco

TORINO, 31 luglio 2014 - Impegnati nella definizione dell’affaire Romulo, ma sempre con le antenne dritte sui movimenti degli attaccanti. Giuseppe Marotta e Fabio Paratici stanno lavorando su più tavoli, a caccia dell’occasione giusta per completare il reparto offensivo. Massimiliano Allegri ha chiesto un giocatore tecnico, preferibilmente una prima punta. Ma c’è da scommettere che non storcerebbe il naso se il “regalo” fosse Ezequiel Lavezzi. Il Pocho non è un centravanti (bensì una punta esterna), ma a certe cifre diventerebbe la classica opportunità. La Juventus in questo momento osserva e s’informa, pronta a entrare in “partita” nel caso l’argentino decidesse di separarsi dal Paris Saint Germain. L’idea di provarci c’è, a patto che certi incastri rendano più semplice la pista dal punto di vista economico.

Dubbi
A Parigi continuano a ribadire l’incedibilità dell’ex napoletano, ma con la stessa forza insistono per il connazionale Angel Di Maria del Real Madrid. Arruolare entrambi sembra un lusso anche per una potenza come il Psg. I campioni di Francia stanno trattando con Lavezzi l’allungamento del contratto (scadenza 2016), ma la sensazione dei ben informati è che in un caso o nell’altro il futuro del Pocho resterebbe in bilico. Lui per primo, in caso di acquisto di Di Maria, potrebbe chiedere di cambiare aria. Qualche segnale è già partito. Segnali che i soliti intermediari hanno recapitato anche in corso Galileo Ferraris. In casa Juve hanno preso appunti e lo stesso hanno fatto Milan e Liverpool, protagonisti di sondaggi più o meno concreti con l’entourage dell’attaccante esterno. Lavezzi ha uno stipendio alto (sui 5 milioni netti a stagione), ma tornerebbe volentieri in Italia. Sulla carta, il Liverpool - forte degli 80 milioni incassati da Suarez - è quella che potrebbe soddisfare meglio le esigenze dell’argentino, ma Milan e Juve mantengono un certo fascino agli occhi del Pocho. I rossoneri un contatto con il Psg lo hanno avuto anche l’altro giorno, a margine dei discorsi per Adrien Rabiot.

Contatti
Quella di Lavezzi è molto più che un’idea, ma non è ancora un progetto evoluto in una trattativa vera e propria. Prima la Juve vuole capire le mosse del giocatore e soprattutto ha l’esigenza di ricucire i rapporti con il club della Tour Eiffel, che non ha ancora digerito il “ratto” del 18enne Kingsley Coman.

Alternative
In attesa di aggiornamenti sul fronte Lavezzi e sfumato Lukaku (l’Everton ha sbaragliato la concorrenza con 30 milioni più 5 di bonus), Marotta e Paratici setacciano il mercato delle punte. L’obiettivo di regalare un attaccante a Max Allegri in tempo per la tournée in Asia e Oceania non è ancora tramontato, ma di giorno in giorno sembra meno attuabile. Il buon inserimento di Coman, lodato anche dal tecnico a più riprese, sta inducendo gli uomini mercato juventini a non farsi prendere dalla fretta. I sondaggi sono comunque quotidiani. Se Daniel Osvaldo è diretto all’Inter, per lo svincolato Samuel Eto’o sono ore di attesa.

Giovinco, appuntamento
Numerosi i contatti con la Sampdoria, con la quale si è provato a ragionare su Manolo Gabbiadini, già in comproprietà tra i due club. I blucerchiati non vorrebbero privarsene. Le due società hanno discusso anche di un possibile scambio Gabbiadini-Giovinco. Trattativa non semplicissima a livello economico, visto che il fantasista torinese ha uno stipendio maggiore del sampdoriano e superiore al tetto imposto dal patron Ferrero. Oltrettutto l’entourage di Giovinco ha in agenda un incontro imminente con la dirigenza bianconera per concludere il rinnovo di contratto (quello attuale scade nel 2015). Nella lista di Marotta resistono le candidature di Stevan Jovetic (nonostante il City continui a dichiararlo incedibile) e di Chicharito Hernandez, trattato senza successo dall’Inter (i nerazzurri volevano scambiarlo con Guarin) e da più di due anni nei radar bianconeri.

Fonte: Tuttosport (estratto dall'articolo a firma di F. Cornacchia)






Juve, in attacco obiettivi "variabili"

Da tenere d'occhio le piste Gabbiadini e Berardi

MILANO, 31 luglio 2014 - Attendismo In attacco si lavora in surplace e gli obiettivi possono variare. Sfumato Lukaku tornato all’Everton, resta in campo l’idea last minute Samuel Eto’o, al quale la Juve nei primi abboccamenti ha proposto un contratto annuale prima di ritirarsi con fare attendista. I nomi di giocatori offensivi come Pastore, Nani, Lavezzi, Lamela, Snejider o le voci su Destro sono passibili di affondi in presenza di risorse importanti. Non è escluso però un nome a sorpresa. Senza dimenticare infine che la Juve ha in mano prospetti del calibro di Gabbiadini o dello stesso Berardi, che potrebbero essere già pronti per il ritorno «a casa».

Fonte: GdS (estratto dall'articolo a firma di A. Russo)


Vai alla fonte

Juve-Vidal, si aspetta l'arrivo di Felicevich per capire cosa accadrà. No a offerte sotto i 45 mln. Oggi a Vinovo Evra (presentazione alle 15) e Pogba

Cita

Vidal: si aspetta l’arrivo dell’agente per capire il futuro

Evra è sbarcato a Torino: "Sono felice". Alle 15 la presentazione ufficiale

MILANO, 31 luglio 2014 - Evra è sbarcato a Torino Il nodo di una eventuale cessione-big, come quella di Vidal, resta il bivio non solo dialettico del mercato bianconero. La Juve, giova ricordarlo, fa muro a difesa della sua stella. Con una postilla, se dovesse essere proprio il cileno a chiedere di ascoltare eventuali offerte (Manchester United in primis), la Juventus potrebbe sedersi a trattare da una base non inferiore ai 45 milioni di euro. Soldi che verrebbero subito investiti sul mercato. Per avere un quadro più chiaro sul futuro di Vidal, bisogna attendere però l’arrivo di Felicevich, agente del centrocampista, ora impegnato in Inghilterra. Solo allora sarà più chiaro cosa ne sarà di Vidal e se la Juve avrà a disposizione un «tesoretto» per operazioni di grido. In caso contrario si punterà sull’estro degli operatori di mercato bianconeri, che hanno già dimostrato di saper lavorare con successo anche a costi contenuti. Come per Patrice Evra, prelevato dal Manchester United, che ieri sera è sbarcato a Torino alle ore 21: «Sono un uomo felice oggi — ha dichiarato il francese — l’Italia mi aveva aperto le porte a 17 anni, era destino che tornassi, per me è un sogno che si realizza. Con il Manchester ho vinto tutto, ma con la Juve ancora nulla e voglio farlo. A me piace vincere ed ho scelto la Juve per questo. Prometto di dare il massimo, voglio ripagare con i fatti». Evra stamane sosterrà le visite mediche e alle 15 sarà presentato a Vinovo.

Fonte: GdS (estratto dall'articolo a firma di A. Russo)






Juve, oggi arrivano Evra e Pogba

L’ex United: «Sono troppo felice di giocare nella Juve. E’ vero, avevo l’Italia nel destino. Sono arrivato qua per continuare a vincere»

CESENA, 31 luglio 2014 - Ci siamo, oggi la Juve sarà al completo. Con l'arrivo dei francesi Evra e Pogba, Allegri avrà a disposizione l'intero organico per preparare la nuova stagione. Molta curiosità per il neoacquisto che arriva dal Manchester United e che Van Gaal ha cercato di trattenere sino alla fine e in tutti i modi. Questa mattina visite mediche e nel pomeriggio la presentazione prima di mettersi agli ordini dello staff tecnico e partire per la nuova avventura: «Sono troppo felice di giocare nella Juve. E’ vero, l’Italia era nel mio destino. Sono qua per continuare a vincere», ha dichiarato ieri sera al suo arrivo a Torino. Il suo ingaggio permetterà di avere soluzioni in più sulla fascia sinistra e la sua esperienza tornerà molto utile. Ricordiamo che ai Mondiali è stato uno dei migliori della nazionale francese.

E Pogba...
Molta attesa anche e soprattutto per il grande talento che i bianconeri stanno trattenendo almeno per un'altra stagione. Con il manager Raiola si è deciso di farlo restare a Torino per permettergli di migliorare ancora, nonostante siano arrivate numerose richieste da club importantissimi. Paris Saint Germain e Real Madrid su tutti. Ma il presidente Andrea Agnelli ha voluto a tutti i costi tenerlo, rinunciando ad una fortuna, perché punta a disputare una grande Champions e il ragazzo può essere determinante. Pogba, tramite il suo procuratore, sta trattando il prolungamento di contratto che la Juve vuole portare sino al 2019 a 3,2 milioni a stagione più uno di bonus come ingaggio. Il Polpo verrebbe a guadagnare come tutti i big bianconeri. Marotta spera di ottenere la firma prima della fine di agosto. Considerando i rapporti che ci sono tra le parti, è possibile che l'operazione possa andare a buon fine.

La preparazione
Evra e Pogba in questi primi giorni svolgeranno una preparazione differenziata. Lo staff di Allegri ha studiato per loro una tabella particolare che dovrebbe portarli al pari degli altri nazionali per le partite amichevoli che cominceranno in Indonesia. In queste occasioni l'ex tecnico milanista punta ad avere tutti sullo stesso livello per poter plasmare la squadra che ha in mente. Soprattutto con Pogba ed Evra proverà dei sistemi di gioco diversi da quel 3-5-2 con cui comincerà la stagione. Con l'arrivo dei due si darà una poderosa accelerata alla stagione. C'è da lavorare tanto. In attesa (ma qui ci va del tempo) che anche Barzagli e Morata possano tornare in campo assieme ai loro compagni.

Fonte: Tuttosport (articolo a firma di C. Forte)


Vai alla fonte

Reus, il miglior affare per 35 milioni di euro. Dal 2015

Le squadre italiane avrebbero un anno di anticipo per programmare il colpo migliore dell'estate 2015. Ma per vari motivi, in primis l'ingaggio che Marco Reus chiederà a chiunque voglia avvicinarsi, è destinato ad andare a vuoto.

Vai alla fonte

Altri articoli...

Pagina 1 di 6359

Inizio
Prec.
1
Una questione di fiducia
Il calcio estivo è effimero.Quello che non vediamo, oggettivamente, è la mancanza costante di programmazione.Anche l'arrivo di Ibra e Balo, gli...
Una questione di fiducia
Il calcio estivo è effimero.Quello che non vediamo, oggettivamente, è la mancanza costante di programmazione.Anche l'arrivo di Ibra e Balo, gli...
Nuvole dense
Ci fanno sapere che il mercato è fermo, ma soprattutto che il non-del-tutto-presidente non intende investire.Si cercano soci per lo stadio, unica...
Nuvole dense
Ci fanno sapere che il mercato è fermo, ma soprattutto che il non-del-tutto-presidente non intende investire.Si cercano soci per lo stadio, unica...
Presentazione Serie A 2014-2015
    Ieri sera è stato varato il Calendario dellla Serie A 2014/2015 che noi tifosi rossoneri da qualche anno chiamiamo...
Anche Miralem Pjanic nella miglior formazione della Guinness International Cup
Un altro giocatore votato nella migliore formazione L'articolo Anche Miralem Pjanic nella miglior formazione della Guinness International Cup sembra...
Anche Kevin Strootman nel miglior 11 della International Championship Guinness Cup
L'olandese tra i migliori L'articolo Anche Kevin Strootman nel miglior 11 della International Championship Guinness Cup sembra essere il primo su AS...
Anche Kevin Strootman nel miglior 11 della International Championship Guinness Cup
L'olandese tra i migliori L'articolo Anche Kevin Strootman nel miglior 11 della International Championship Guinness Cup sembra essere il primo su AS...
Eto’o aspetta la Roma
Il calciatore vuole la Roma L'articolo Eto’o aspetta la Roma sembra essere il primo su AS Roma | Forza Roma.
La Roma torna su Matteo Darmian?
La Roma sul giocatore del Torino L'articolo La Roma torna su Matteo Darmian? sembra essere il primo su AS Roma | Forza Roma.
Cori razzisti contro Napoli e i napoletani in Cesena-Juventus
Siamo solo all’inizio della stagione e già i cori razzisti contro Napoli e i napoletani solo all’ordine del giorno. A declamarli, come loro...
Behrami all’Amburgo, il Napoli lo vende per 5 milioni
Sarà l’Amburgo, squadra che milita nel massimo campionato tedesco, la nuova squadra di Valon Behrami. A confermarlo è la televisione satellitare...
Fellaini-Napoli, Sky: Gli azzurri lo vogliono in prestito
Fellaini al Napoli è diventato il tormentone del calciomercato azzurro in questi giorni. Anche la redazione di Sky Sport con Luca Marchetti ha...
Preliminari di Champions, KO dello Zenit, il Napoli potrebbe evitare l’Athletic Bilbao
Il Napoli come tutti ben sappiamo dovrà affrontare i preliminari di Champions prima di accedere alla competizione vera e propria e fra le squadre...
Preliminari di Champions, KO dello Zenit, il Napoli potrebbe evitare l’Athletic Bilbao
Il Napoli come tutti ben sappiamo dovrà affrontare i preliminari di Champions prima di accedere alla competizione vera e propria e fra le squadre...
Calciomercato Lazio, UFFICIALE l’acquisto di Stefan de Vrij
Stefan de Vrij è ufficialmente un calciatore della Lazio: lo ha reso noto la società biancoceleste attraverso il proprio sito web. Mancava solo la...
Calciomercato Lazio, UFFICIALE: Crecco in prestito alla Ternana
Il prodotto della Primavera Luca Crecco, nella prossima stagione giocherà con la maglia della Ternana: lo ha annunciato la Lazio attraverso il...

Cerca nel Sito